Il Rosario Meditato ci aiuta per capire la volontà di Dio

Sfondo del paragrafo

S. ROSARIO MEDITATO

Perché si devono MEDITARE i MISTERI del S. Rosario?:

Così ha detto la Madonna di Fatima:

« A tutti coloro che.. reciteranno il Rosario.. - Meditando i Misteri -, con l'intenzione di - offrirmi riparazioni -, prometto di assisterli nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie alla Salvezza» (MADONNA DI FATIMA, la Promessa del Cuore Immacolato di Maria, dei primi 5 Sabati del Mese, in: Sito Preghiera a Gesù e Maria, Link consultato il 23.02.2018, h16,23).

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Così ci risponde S. Luigi M. Grignon de Montfort:

«Senza la - Meditazione dei S. Misteri - della nostra redenzione, il Rosario sarebbe quasi come un corpo senz'anima, una materia eccellente priva di forma, poiché è proprio la meditazione che distingue il Rosario dalle altre devozioni» (S LUIGI M. GRIGNON DE MONTFORT. Il segreto meraviglioso del Santo Rosario, n. 61).

E cosi aggiunge il B. Paolo VI:

«L'importanza di un.. elemento essenziale del Rosario è la contemplazione. - Senza di essa il Rosario è corpo senza anima, - e la sua recita rischia di divenire meccanica ripetizione di formule e di contraddire all'ammoni-mento di Gesù: "Quando pregate, non siate ciarlieri come i pagani, che credono di essere esauditi in ragione della loro loquacità" (Mt 6,7)»  (PAOLO VI, Esortazione Apostolica Marialis Cultus, n. 47).

Papa Pio XI parla di seguire gli esempi di Gesù e Maria

che ci fanno ascendere

 

Papa Pio XI(Papa dal1922 al † 1939): «Con la contemplazione dei sacri misteri (del S. Rosario) [...] ci sono posti quasi sotto gli occhi i gaudi, i dolori e i trionfi di Gesù Cristo e della Sua Madre [...] così che seguendo quegli esempi santissimi [...] ascendiamo alla felicità della patria celeste» (cfr. PIO XI, Papa, Enciclica Ingravescentibus Malis, 29 settembre 1937).

Sfondo del paragrafo